Istituto Ricerche Esplosivistiche

Istituto Ricerche Esplosivistiche

Corso di Formazione Permanente

“Fondamenti di intelligence per la ricerca e l’analisi delle informazioni”

Descrizione sintetica

Il Corso di Formazione Permanente è incentrato sulla ricerca di informazioni pubblicamente disponibili, in quanto non coperte da segreto ma comunque di non semplice individuazione, da valorizzare e correlare tra loro sino a giungere all’elaborazione di un valore aggiunto, altrimenti noto come intelligence, il quale costituisce un vantaggio competitivo nei confronti di eventuali competitori.

La citata attività di elaborazione è frutto della mente dell’analista intelligence, il quale deve possedere al contempo doti di logica e spirito critico, ma anche intuito e flessibilità. L’analista deve basarsi sulla propria esperienza senza tuttavia farsi fuorviare dai propri pregiudizi cognitivi, grazie anche all’applicazione di metodi di analisi strutturata che consentono di gestire in modo strutturato l’enorme mole di informazioni usualmente disponibile e che notoriamente è pesantemente pervasa da fake news.

L’intelligence così prodotta può risultare utile nell’agguerrita competizione che quotidianamente avviene in diversi campi, quali quello giornalistico e investigativo/forense (ad esempio nel settore chimico e farmaceutico), della sicurezza e della ricerca universitaria (preparazione di domande per fondi di ricerca), nonché nella redazione di un business plan nel mondo aziendale-universitario.

Il corso intende perfezionare la formazione delle seguenti figure professionali: analisti nel settore delle informazioni, consulenti tecnici ed esperti di analisi in ambito chimico- tossicologico e forense (farmacisti, chimici, ecc...), investigatori, giornalisti, appartenenti alle forze dell'ordine, alle forze armate, alla polizia locale, criminologi, psicologi, sociologi, assistenti sociali, addetti alle pubbliche relazioni, alla gestione clienti, alle risorse umane, alla security aziendale, manager, avvocati, magistrati.

Le attività formative vertono su argomenti specialistici, con un taglio teorico e anche pratico, basati sulle seguenti materie:

- Metodi di ricerca da fonti aperte, da fonti umane e nel cyberspazio

- Metodi di analisi delle informazioni

- Analisi farmaco-tossicologiche forensi

- Criminologia e terrorismo

- Analisi di fenomeni di aggregazione sociale.

Descrizione dettagliata

(prima settimana) Il corso inizia con un’introduzione al mondo dell’intelligence, definendone i concetti essenziali e illustrandone le potenzialità. Vengono quindi introdotti i metodi di ricerca di informazioni nel cyberspazio (Open Source Intelligence – OSINT), ossia nel mondo virtuale costituito principalmente da internet e rappresentato da siti web, blog, news nonché dai contenuti veicolati sui social media, quali Facebook, Twitter e altri. Nell’attività di ricerca, l’analista viene anche edotto delle precauzioni da adottare per proteggere il più possibile la propria privacy (o anonimato). Le informazioni così ricavate non sarebbero fruibili se non venissero elaborate in modo sistematico applicando metodi di analisi strutturata a supporto della capacità di logica, intuito ed esperienziale dell’analista; pertanto vengono introdotte le tecniche di analisi strutturata proprie del mondo intelligence.

Le tecniche di ricerca di informazioni nel cyberspazio e quelle di analisi strutturata verranno costantemente implementate per guidare il corsista lungo tutto il percorso formativo, anche nelle settimane successive, come tema trasversale.

(seconda settimana) Le capacità dell’analista per essere applicate proficuamente necessitano di una specifica conoscenza dei network da analizzare. Pertanto viene introdotto il primo esperto di dominio, il quale illustrerà i fondamenti della geopolitica allo scopo di ampliare la capacità di analisi degli scenari mondiali. Inoltre le tecniche di analisi intelligence, usualmente basate su aspetti qualitativi di tipo concettuale, vengono arricchite da un’analisi di tipo quantitativo (scientifico), utilizzando semplici metodi di calcolo che possono generare valori numerici rilevanti ai fini dell’analisi stessa, allo scopo di pervenire alla comprensione anche di fenomeni non lineari, e pertanto non immediatamente intuitivi.

(terza settimana) In questa settimana vengono introdotte le metodologie delle discipline intelligence che hanno la caratteristica di desumere le informazioni anche dal mondo reale, mediante interazione (dialogo/intervista) con altri soggetti (Human Intelligence – HUMINT) nonché mediante analisi delle evidenze desumibili da manufatti o sostanze impiegati (Technical Intelligence – TECHINT).

(quarta settimana) Si procede a implementare quanto già introdotto, fornendo una chiave anche dal punto di vista forense della TECHINT e introducendo l’analisi dell’inganno e della menzogna per quanto riguarda la HUMINT.

(quinta settimana) L’esperto di dominio introduce un network peculiare, quale quello del terrorismo, illustrandone la complessità. Parimenti il corsista viene avvicinato al mondo del business, impiegando le capacità intelligence per ottenere un vantaggio competitivo nel settore dei fondi erogati nell’ambito dei bandi europei, nonché per valutare i rischi nella gestione di scenari emergenziali, quali quelli che potrebbe dover fronteggiare una organizzazione non governativa (ONG) che si trovi a dover operare all’estero a supporto di una situazione di crisi. Inoltre si affinano le tecniche di disseminazione dell’intelligence prodotta, individuando le best practices per l’esposizione di un briefing intelligence in maniera chiara ed esaustiva.

(sesta settimana) La panoramica dei network di interesse viene completata con quello criminologico e quindi la settimana si conclude perfezionando l’attitudine a impiegare l’intelligence a fini di business con una lezione incentrata sul mondo aziendale (dimensione corporate). Quest’ultima settimana si conclude con una sessione di ripasso di quanto illustrato durante il corso, anche mediante un’esercitazione guidata su uno scenario semplificato. Ciò allo scopo di agevolare il corsista nella redazione di un elaborato finale (relazione scritta) in cui dovrà analizzare uno scenario da uno specifico punto di vista evidenziando le competenze di intelligence utili per il raggiungimento dell’obiettivo finale.

(ultima settimana) Dopo un periodo di tempo adeguato utile per la preparazione e stesura degli elaborati (da definire anche in base al numero dei partecipanti al corso), i corsisti torneranno per un’ultima giornata conclusiva in cui dovranno presentare i rispettivi elaborati mediante esposizione orale dinanzi a una commissione esaminatrice che li valuterà e conferirà il diploma con l’attestato di partecipazione e superamento del corso.

Durante tutta la durata delle attività didattiche del corso, i partecipanti saranno affiancati da un comitato di tutoraggio che fornirà supporto soprattutto in relazione al materiale didattico fornito e all’attività di preparazione dell’elaborato finale da discutere in sede di discussione finale.